IOS

IOS

IOS (precedentemente iPhone OS) è un sistema operativo sviluppato da Apple per iPhoneiPod touch e iPad.

Storia

Il sistema operativo è stato presentato il 9 gennaio 2007 al Macworld Conference & Expo di San Francisco e la versione 1.0, ancora priva di nome, è entrata in commercio con il primo iPhone il 29 giugno dello stesso anno[2]. Il 6 marzo 2008, in concomitanza con la pubblicazione della prima beta del SDK, il sistema operativo è stato denominato ufficialmente come “iPhone OS” (che sta per “iPhone Operating System”).

L’11 luglio 2008 viene pubblicato, in concomitanza della vendita di iPhone 3G, l’aggiornamento a iPhone OS 2 che aggiunge, tra le altre funzioni, il molto atteso App Store e la possibilità di installare applicazioni di terze parti tramite quest’ultimo.

iPhone OS 3, pubblicato con l’iPhone 3GS il 17 giugno 2009, ha aggiunto molte funzioni che furono richieste dagli utenti, alcuni dei quali il copia e incolla e gli MMS. Tutti i dispositivi erano aggiornabili a iPhone OS 3, ma con delle limitazioni per la prima generazione di iPhone e iPod touch. Il primo iPad, entrato in commercio nell’aprile 2010, ha avuto inizialmente un “ramo” separato di iPhone OS 3, fino all’unificazione con gli altri dispositivi con la versione 4.2.1 del software.

Il quarto aggiornamento del sistema operativo, pubblicato con iPhone 4 il 21 giugno 2010, ha aggiunto numerose funzioni quali il multitasking per le applicazioni di terze parti, FaceTime e iBooks. L’ora rinominato “iOS”[6], ha unificato i vari dispositivi (iPhone, iPod touch e iPad) con una versione comune, la 4.2.1.

Il 6 giugno 2011 è stata presentata alla WWDC la quinta versione di iOS, con numerose nuove funzioni, tra cui la sincronizzazione wireless, l’integrazione con il servizio iCloud di Apple e un rinnovato sistema di notifiche. Nel giorno stesso è stata pubblicata la prima beta del sistema operativo. iOS 5 è stato distribuito ufficialmente il 12 ottobre 2011[7].

L’11 giugno 2012 è stata presentata alla WWDC la sesta versione di iOS, con l’applicazione Mappe completamente rinnovata, nuovissime funzioni e lingue per l’assistente vocale Siri, tra cui l’attesa inclusione della lingua italiana, l’integrazione con Facebook, nuove funzioni di risposta alle chiamate e novità grafiche. iOS 6 è stato reso disponibile per il download dal 19 settembre 2012].

Il 10 giugno 2013 è stata presentata alla WWDC la settima versione di iOS, con uno stile grafico completamente rinnovato in chiave minimale, che presenta icone molto più semplici e colorate, meno reminiscenti di elementi del mondo reale. Altro importante punto di rottura col precedente iOS è la rimozione della barra di sblocco presente fin dalla prima release di iOS, sostituendola con una schermata di sblocco più semplice e minimalista. Altro rinnovamento sostanziale è la totale revisione del multitasking], modificandone il look e le funzionalità, rendendolo più attuale e al pari dei sistemi concorrenti. Sono state presentate molte altre novità, fra le quali l’introduzione di nuove 1500 API in dotazione agli sviluppatori. La data di pubblicazione, che è stata comunicata al keynote tenutosi a Cupertino il 10 settembre 2013, è il 18 settembre dello stesso anno.

Il 2 giugno 2014 è stata presentata alla WWDC l’ottava versione di iOS, che mantiene la stessa grafica di iOS 7, ma con nuove funzionalità come ad esempio la possibilità di inviare messaggi vocali con iMessage, la funzione di Quick Reply per poter rispondere velocemente a un messaggio semplicemente tirando verso il basso una notifica. È stata aggiornata anche la funzione modifica delle foto, dove sono state aggiunte più possibilità di personalizzazione. La tastiera ha la nuova funzione QuickType che aggiunge sopra alla tastiera un dizionario oppure la possibilità di installare tramite App Store tastiere di terze parti. Attraverso Spotlight si può anche cercare in iTunes/App Store, cercare su Mappe o avere risultati di ricerca da Bing. Aggiunta una nuova funzione di iCloud, “In famiglia”, così da poter condividere ogni acquisto tra tutti i membri della famiglia. È stata aggiunta su iPhone e iPod touch l’applicazione Salute.

L’8 giugno 2015 è stata presentata alla WWDC la nona versione di iOS, che anch’essa mantiene la stessa grafica di iOS 7 ma con diverse migliorie. Distribuito agli sviluppatori e ai beta tester pubblici nel periodo estivo, iOS 9 è stato rilasciato nella versione finale mercoledì 16 settembre. Le novità grafiche consistono in una Siri rinnovata, in grado di interagire maggiormente dando suggerimenti nella pagina di Spotlight, rinominata “Proactive” (con i vari suggerimenti dell’assistente vocale). Sono state introdotte diverse novità nell’applicazione Note e alcune migliorie per l’applicazione Mappe, che ora offre anche i dati e le linee dei mezzi di trasporto pubblici delle principali città del mondo. È stata rimossa l’app di default “Edicola” per lasciare lo spazio a “News”, la nuova applicazione che raccoglie le notizie delle principali testate giornalistiche (non è disponibile in tutte le nazioni). Su iPad arriva la funzione Split-View che consente di visualizzare due applicazioni contemporaneamente e il Multitasking ora si trova a sinistra della schermata home e presenta un grafica molto più scorrevole, “a pagine”. Con iOS 9, è stata introdotta la modalità Risparmio Energetico che riduce il consumo della batteria.

Il 13 giugno 2016 è stata presentata alla WWDC la decima versione, che porta molteplici novità, tra le quali più apertura del sistema a sviluppatori terzi. L’applicazione Foto ora riconosce i volti e gli oggetti. L’applicazione musica è stata completamente ridisegnata, migliorando il supporto ad Apple Music e aggiungendo il testo dei brani. Nella schermata di sblocco è stata rimossa la scritta “Scorri per sbloccare”; ora infatti per sbloccare il dispositivo è necessario premere il tasto Home. Le notifiche, il Centro di controllo e il Centro Notifiche sono stati completamente ridisegnati, presentato dei bordi smussati. Anche l’applicazione Messaggi ha ricevuto un enorme aggiornamento, ora è possibile inviare messaggi con effetti visivi, sticker, GIF e le emoji sono 3 volte più grandi.

Il 5 giugno 2017 è stata presentata alla WWDC l’undicesima versione, portando svariate novità, innovazioni e miglioramenti nel sistema, in particolare su iPad, con l’aggiunta di molteplici funzioni relative al multitasking e all’esperienza grafica, come l’aggiunta del nuovo Dock e del nuovo App Switcher. Venne anche aggiunto il supporto per le Animoji supportate dall’iPhone X. Le principali novità su tutti i dispositivi supportati furono il Centro di Controllo, completamente ridisegnato, la possibilità di registrare lo schermo dal proprio dispositivo, la riorganizzazione del Centro Notifiche, ispirata alla schermata di blocco, una nuova interfaccia grafica (caratterizzata da enormi titoli scritti in grassetto), un nuovo App Store, anch’esso ridisegnato, insieme al ridisegno di altre applicazioni, l’introduzione di nuove icone ed animazioni e l’aggiunta di nuove misure di sicurezza. Venne ovviamente aggiunto il supporto per i nuovi iPhone e per la cassa intelligente HomePod.

Tecnologia

Il processore di iPhone e iPod Touch è un RISC ARM, come il SoC usato nell’iPad è allo stesso modo di architettura ARM Cortex, a differenza del processore x86 (e prima PowerPCo MC680x0) che viene comunemente usato nella linea Macintosh; le soluzioni ARM sfruttano OpenGL ES 1.1 e OpenGL ES 2.0 renderizzate da un processore video PowerVR.

Le applicazioni per macOS non possono essere ufficialmente copiate e lanciate in dispositivi con iOS ma necessitano di essere personalizzate e compilate specificatamente per iOS e per l’architettura ARM.

Tuttavia, il web browser integrato Safari supporta le web applications.

Caratteristiche

Come macOS, iOS è una derivazione di UNIX (famiglia BSD) e usa un microkernel XNU Mach basato su Darwin OS. iOS ha quattro livelli di astrazione: il Core OS layer, il Core Services layer, il Media layer e il Cocoa Touch layer. Il sistema operativo occupa meno di mezzo Gigabyte della memoria interna del dispositivo. Il sistema operativo non aveva un nome ufficiale fino all’uscita della prima beta dell’iPhone SDK il 6 marzo 2008; prima di allora, il marketing Apple affermava che “iPhone usa OS X”. Molti fanno utilizzo del termine iDevice per riferirsi ai dispositivi che usano iOS. Ogni app del mondo Apple ha bisogno del sistema operativo iOS per andare in esecuzione; tuttavia gli sviluppatori possono simulare le proprie applicazioni tramite il programma Xcode, disponibile solamente per il sistema operativo macOS.

Come macOS, iOS è utilizzabile unicamente su dispositivi Apple, essendo sistemi operativi completamente progettati dal costruttore/sviluppatore per hardware proprietario (e viceversa).


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: