Estendere il segnale Wi-Fi senza spendere soldi - Nuova scoperta!

Estendere il segnale Wi-Fi senza spendere soldi – Nuova scoperta!

La necessità di estendere il segnale Wi-Fi raggiungendo aree dell’edificio che spesso rimangono parzialmente  (segnale debole) o completamente in ombra è un’esigenza sempre più comune ma in molti non sono disposti a spendere soldi per estendere il segnale WiFi. Ma se ti dicessi che esiste un modo completamente gratuito per estendere il segnale Wifi tu mi crederesti? Ti consiglio di leggere fino alla fine questo articolo e se lo troverai interessante , mi farebbe piacere avere il tuo supporto per il nostro lavoro e impegno , votando semplicemente con (cinque stelle).

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (8 votes, average: 4,50 out of 5)
Loading...

Senza girarci troppo intorno direi di partire. Non mi resta che augurarti una buona lettura!

Estendere il segnale Wi-Fi : Nuova scoperta scientifica

Estendere il segnale Wi-Fi

I ricercatori della Brigham Young University, un’università privata statunitense situata a Provo, guidati da un professore di ingegneria informatica, sono riusciti ad estendere il segnale Wi-Fi di ben 67 metri senza spendere un euro e per lo più senza richiedere modifiche all’hardware sottostante o l’utilizzo di ripetitori, ma soltanto agendo con un aggiornamento software.

I ricercatori hanno creato un protocollo chiamato “On-Off Noise Power Communication il quale estende in modo significativo la distanza che un dispositivo abilitato Wi-Fi può inviare e ricevere segnali.

Il nuovo protocollo è programmato direttamente sul protocollo Wi-Fi esistente utilizzando lo stesso hardware. Mentre il WiFi richiede velocità di almeno un megabit al secondo (1 Mbps) per mantenere un segnale, il protocollo “ONPC” può mantenere un segnale basso quanto 1 bit al secondo (un milionesimo della velocità dei dati richiesta dal Wi-Fi).

BYU ha spiegato nell’annuncio che “1 bit di informazione è sufficiente per molti dispositivi abilitati Wi-Fi che necessitano semplicemente di un messaggio on / off, come ad esempio un sensore della porta del garage.”

Come hanno fatto?

I ricercatori hanno regolato il trasmettitore in un dispositivo abilitato Wi-Fi per inviare rumore wireless oltre ai dati. Hanno programmato nel sensore Wi-Fi una serie di 1 e 0, (attivando e disattivando) il segnale secondo uno schema specifico. Il router Wi-Fi è stato in grado di distinguere questo schema dal rumore wireless circostante (da computer, televisori e telefoni cellulari) e quindi sapeva che il sensore stava ancora trasmettendo qualcosa, anche se i dati non venivano ricevuti.

Questa comunicazione in pratica diceva al router di mantenere attiva la comunicazione, perché il dispositivo stava per inviare dati.

Così si è riuscito ad estendere il segnale Wi-Fi di ben 67 metri oltre lo standard tradizionale. Questo sistema è compatibile con larga parte dei dispositivi con modulo Wi-Fi che potrebbero così fare un salto di qualità con un semplice, indolore e gratuito aggiornamento software.

Ti Ricordo Che..

Per qualsiasi dubbio o incertezza non dimenticate che ci potete contattare attraverso i nostri gruppi ufficiali. Potete farlo sia tramite il nostro gruppo Facebook; che con gli altri gruppi social a nostra disposizione,come ad esempio il nostro gruppo Telegram. Se vuoi rimanere sempre aggiornato, unisciti al nostro canale Telegram e seguici su InstagramHai finito di leggere? Torna alla Home Page

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: